Oratorio

L’Oratorio

L’Oratorio è “ponte tra strada e Chiesa”, secondo una felice definizione di san Giovanni Paolo II.
Torneremo a riflettere su questa bella affermazione. Per iniziare, propongo una breve riflessione.

Come è il nostro Oratorio? Anzi, i nostri Oratori?
Abbiamo uno spazio bello, in mezzo ad un parco meraviglioso, a Milano Tre, ed una bella struttura, costruita con amore da don Silvio Coira, a Sant’Agata. A Sant’Agata abbiamo un bel campo da calcio, un teatro stupendo, qualche sala interna. A Gesù Salvatore abbiamo abbondanza di aule ed un bell’inserimento nell’ambiente circostante. Lo spazio non ci manca.
Entrambe le strutture sono concepite come Oratorio e Centro parrocchiale, luogo, al tempo stesso, di incontro per i giovani e di incontro per la comunità, con la presenza di adulti, famiglie, anziani.
La catechesi è tutta concentrata a Gesù Salvatore, e va bene così, in un percorso di Unità Pastorale.
Grazie alla collaborazione con la cooperativa “Aquila e Priscilla”, che dura da parecchi anni, la presenza di Michela ha fatto crescere e reso più bello l’Oratorio di Gesù Salvatore, più colorato e più simpatico.
Che cosa dobbiamo fare?
Dare vita.
Ciò significa creare occasioni perché tutti i giorni fede e vita si possano intrecciare, nel dialogo, negli incontri, nelle amicizie…
C’è una cosa da ricordare sempre: l’Oratorio è lo strumento educativo della comunità cristiana, con cui si prende cura di bambini, ragazzi, adolescenti e giovani.
Non può e non deve dipendere solo dal prete. E’ assolutamente necessaria la CORRESPONSABILITA’ educativa dei laici, delle famiglie, degli stessi giovani che, animati dalla fede, desiderano prendersi cura dei più piccoli.

Di solito succede, in un parchetto, che quando arriva un gruppo di ragazzotti più grandi, i più piccoli si spostano o se ne vanno. Capita anche nel bosco: quando arriva un falco, merli, allodole, fringuelli scappano in fretta.
All’Oratorio non può e non deve essere così: il più grande si deve chinare sul più piccolo e prendersi cura di lui, mettendosi al suo servizio.
Non l’ha forse fatto anche Gesù?

E poi .. Oratorio vuol dire allegria, sport, musica, canto, divertimento, servizio, aiuto reciproco, confronto, studio insieme, vacanze, pellegrinaggi, preghiere, fiaccolate…
Abbiamo tanto lavoro da fare…
Se vogliamo… infatti Gesù invita sempre, non costringe mai.
E tu, che cosa vuoi fare?